• (0)
    ISO-9001-blog

    ISO 9001 Base di conoscenza

    I 5 principali cambiamenti previsti nella ISO 9001:2015 in base al DIS (Draft International Standard) 2014

    Dal 2013, data dell’uscita della nuova bozza del comitato per la norma ISO 9001, le persone hanno cominciato a chiedersi quali cambiamenti sarebbero stati mantenuti e quali sarebbero stati ulteriormente aggiornati. Adesso che il comitato dell’ISO ha intrapreso il passo successivo emettendo la bozza della norma internazionale ISO 9001:2015, possiamo vedere alcuni dei principali cambiamenti che è molto probabile che siano conservati nell’aggiornamento finale della nuova versione ufficiale della norma. È importante osservare che, anche se questi cambiamenti sembrano definitivi, potrebbero ancora esserci alcuni leggeri aggiustamenti nella bozza finale della norma internazionale (FDIS), nonché nella versione ufficiale emessa della norma. Quindi, quali sono i principali cambiamenti rispetto alla precedente bozza del comitato e cosa potrebbero significare per il tuo sistema di gestione della qualità?

    Riformattazione in base all’Annex SL. Come ci si attendeva dalla bozza del comitato, i punti della norma sono stati riordinati e rinominati per essere conformi all’Annex SL, come per altre norme quali la ISO 27001 e ISO 22301, che seguono più rigorosamente il ciclo plan-do-check-act. Come ho già detto nell’articolo precedente, dato che il flusso dei processi complessivo deve soddisfare le esigenze dell’azienda, ciò non dovrebbe modificare l’implementazione dell’SGQ. Questa è, tuttavia, la ragione per cui non amo tentare di far corrispondere la numerazione dei documenti dell’SGQ con quella dei requisiti della norma.



    Sezione 4.4, Sistema di gestione della qualità. Mentre la bozza del comitato aveva una sezione separata sull’approccio per processi, essa è stata unita in un’unica sezione sull’SGQ e i suoi processi. Ciò non significa che l’approccio per processi sia stato eliminato dalla norma ISO 9001; tutti i requisiti ci sono sempre con una diversa terminologia, ma non viene esplicitamente richiamato l’“approccio per processi”. Ciò non dovrebbe modificare il modo in cui le persone hanno implementato la ISO 9001, dato che l’approccio per processi è stato una parte essenziale della norma sin dal 2000.

    Leadership. Anche se sembra un piccolo cambiamento, nella nuova bozza della norma internazionale è stato inserito un requisito per l’alta direzione che deve assumersi la responsabilità dell’efficacia dell’SGQ. Per alcune aziende in cui questa attività è stata delegata a un team di verifica interno, ci si aspetterebbe che i membri dell’alta direzione siano in grado di parlare di quanto sia efficace l’SGQ e di come tale efficacia venga misurata e migliorata. Migliorare il coinvolgimento e la conoscenza dell’SGQ dell’alta direzione a questo punto potrebbe favorire l’introduzione di nuove responsabilità quando la nuova revisione della ISO 9001 sarà rilasciata.

    Valutazione e pianificazione in base ai rischi. Questa rimane un’ampia aggiunta alla norma, con alcuni ulteriori chiarimenti ed esempi aggiunti nelle note. Come ho accennato nel mio precedente articolo, è qualcosa che difficilmente potrebbe essere eliminato dalla norma e si tratta molto probabilmente della sezione più utile alle aziende che stanno cercando di migliorare l’SGQ adesso, prevedendo i cambiamenti futuri. Anche senza i prossimi cambiamenti della norma ISO 9001, ho scritto alcune idee per aggiungere le attività relative ai rischi nell’SGQ in questo articolo: The role of Risk Assessment in the QMS. Piccole revisioni della sezione relative alla pianificazione delle modifiche mettono in evidenza la necessità di una valutazione dei rischi prima di fare una modifica nel sistema di gestione della qualità.

    Informazioni documentate. È importante sottolineare un cambiamento complessivo di questa bozza della norma internazionale rispetto alla norma attuale ISO 9001:2008 per quanto riguarda il concetto dei documenti richiesti. Con la norma attuale, ci sono diverse procedure documentate richieste (come la Verifica interna e la Tenuta sotto controllo dei prodotti non conformi). Il testo della nuova bozza della norma non include queste indicazioni di documenti richiesti, ma ciò significa forse che essi non sono necessari? Naturalmente no. La nuova bozza ricorre all’espressione “informazioni documentate” per definire quando un’azienda ha bisogno di un documento e di conservare tali informazioni. Quindi, anche se non c’è il requisito di una procedura delle verifiche interne documentata e di registrazioni della verifica, c’è il requisito di conservare informazioni documentate come evidenza dell’implementazione del programma delle verifiche e dei loro risultati. Una procedura e le registrazioni delle verifiche sono sempre un modo accettabile di fornire tali evidenze.

    Il Manuale della Qualità non c’è più? Come con le procedure documentate, non c’è più un requisito esplicito relativo al manuale della qualità e a ciò che contiene, che invece è presente nella norma attuale (ISO 9001:2008). Ciò non significa che un’azienda debba necessariamente rinunciare all’idea di avere un manuale della qualità. Ci sono sempre informazioni richieste in quanto informazioni documentate, come il campo di applicazione dell’SGQ, le informazioni per supportare i processi operativi e una politica della qualità. Anche se è vero che queste informazioni possono essere documentate separatamente, è comunque accettabile documentarle tutte assieme in un documento chiamato manuale della qualità, se l’azienda lo ritiene utile. Io credo sempre, come ho affermato nel mio precedente articolo Scrivere un Manuale della Qualità breve, che un manuale della qualità, se scritto in modo conciso, possa essere un ottimo strumento di vendita per la tua organizzazione.

    Non è necessario intraprendere azioni per aggiornare il proprio SGQ adesso; come sempre, avremo un po’ di tempo dopo che la versione finale sarà stata rilasciata. La cosa, però, potrebbe essere resa più semplice cominciando a pensare ad alcuni dei principali aggiornamenti citati qui e a come poterli affrontare.  Essere all’avanguardia di questi aggiornamenti può rendere la loro implementazione più facile, perché così si ha più tempo a disposizione. Un po’ di programmazione adesso sugli elementi individuati in questo articolo può aiutarti a migliorare la tua efficacia più tardi.

    Clicca qui per vedere un esempio di  Quality Manual.

    Advisera Mark Hammar
    Autore
    Mark Hammar
    Mark Hammar is a Certified Manager of Quality / Organizational Excellence through the American Society for Quality, and has been a Quality Professional since 1994. Mark has experience in auditing, improving processes, and writing procedures for Quality, Environmental, and Occupational Health & Safety Management Systems, and is certified as a Lead Auditor for ISO 9001, AS9100, and ISO 14001.