• (0)
    ISO-14001-blog

    ISO 14001 Base di conoscenza

    Utilizzare le verifiche interne per stimolare un reale miglioramento nella ISO 14001:2015

    Il punto 4.5.5 della ISO 14001:2004 indica che ogni organizzazione conforme alla norma deve effettuare verifiche ispettive interne in momenti prestabiliti per assicurare che sia i termini che i risultati degli obiettivi del sistema ambientale siano soddisfatti e registrati. Dato che, inoltre, il miglioramento continuo è un principio che presiede alla norma 14001, sembra logico presumere che le verifiche interne debbano essere usate per stimolare il miglioramento continuo. Ma è questo ciò che avviene in realtà?

    Molte organizzazioni vedono il processo delle verifiche ispettive interne in modo diverso, sia come un semplice esercizio burocratico che come un evento spiacevole nel quale un ispettore cercherà di cogliere in fallo un dipendente. La ISO 14001, come la ISO 9001 (come si può leggere nell’articolo 13 Steps for ISO 9001 Internal Auditing using ISO 19011) richiede che le verifiche interne siano parte della norma. Invece di vederle come un male inevitabile, si dovrebbero considerare una vera “opportunità di miglioramento” del proprio sistema di gestione ambientale, della sua performance e dell’effetto che la propria organizzazione ha sull’ambiente stesso. Quindi, qual è il modo migliore di affrontarle?


    Utilizzare le verifiche ispettive interne in modo efficace

    In conformità con la norma 14001:2015, il gruppo dirigente dell’azienda avrà identificato i rischi ambientali, fissato obiettivi basati sulla legislazione ambientale, nonché definito indicatori chiave della performance da raggiungere e, infine, rispetto ai quali migliorare: tutto pensato per assicurare che l’impatto ambientale della propria organizzazione sia il più positivo possibile. La verifica interna è ora la vostra possibilità non solo di assicurare che tali obiettivi siano raggiunti, ma che siano rilevanti e soddisfino tutti requisiti della legislazione vigente e le esigenze interne. Prima di intraprendere una verifica interna, è consigliabile esaminare gli obiettivi e le norme che state cercando di raggiungere, nonché se si ha un registro dei rischi, un registro degli aspetti o qualunque altro mezzo per registrare i propri risultati. Quindi, supponiamo di averlo fatto: e adesso?

    Considerare i requisiti prima della performance

    Una parte delle verifiche interne consiste nella valutazione dell’accuratezza e della rilevanza dei propri obiettivi. Sono aggiornati sotto il profilo della legislazione? Esistono nuovi rischi apparenti che non sono stati identificati formalmente? Il gruppo dirigente ha considerato tutti gli stakeholder nel fissare gli obiettivi e i traguardi ambientali? Non è raro che chi opera a valle dei processi sia in grado di identificare quotidianamente rischi ambientali che non sono sempre evidenti a un livello superiore. Se riuscite a individuarli, per esempio, la vostra verifica ispettiva sarà efficace. State individuando le aree che possono essere migliorate e gli aspetti che possono non essere stati considerati. Fornire suggerimenti costruttivi per il miglioramento è il vero punto centrale di un processo di verifica efficace.

    Effettuare verifiche efficaci del Sistema di Gestione Ambientale

    Dopo aver individuato opportunità di miglioramento e suggerimenti costruttivi, è ora possibile continuare con la corretta verifica del sistema. Cercate dei feedback sui risultati e i processi che verificate. Gli obiettivi fissati sono raggiungibili? Sono sempre rilevanti? Esistono ostacoli che impediscono di raggiungerli? Se si riescono a trovare delle reali barriere, si è a un passo dal miglioramento. I requisiti legali sono soddisfatti? Il registro delle disposizioni legislative è aggiornato? Lavorate in collaborazione con coloro che progettano, utilizzano e dipendono dal vostra Sistema di Gestione Ambientale. Guardate al processo delle verifiche ispettive interne come a un’occasione di mettere assieme le vostre conoscenze e capacità per usarle per migliorare la performance, invece di un canale unidirezionale in cui l’ispettore pone le domande e chi è sottoposto a verifica risponde in modo autodifensivo. Fate in modo di portare a termine i vostri miglioramenti. La vostra azienda e l’ambiente ne otterranno sicuramente dei benefici.

    Usa gratuitamente questa Checklist of ISO 14001 Mandatory Documentation per aiutarti nelle verifiche del Sistema di Gestione Ambientale.

    Advisera John Nolan
    Autore
    John Nolan
    John Nolan is a Fellow of the Institute of Leaders and Managers in the United Kingdom, and Prince 2 accredited with a background in Engineering and Electronics and Data Storage and Transfer. Having studied and qualified as both a Mechanical and Electronic Engineer, he has spent the last 15 years designing and delivering Quality Systems and projects across many sectors in the UK, including both national and local government.